Ritratto di un uomo che fa lo schizzo di una freccia fisica su una lastra di vetro

Casi di applicazione di apparecchi estensori per modellare il corpo e ingrandire il pene

Con il tempo l’organismo umano si adatta alla pressione e alla forza esercitate sul corpo in maniera meccanica trasformando visibilmente le sue caratteristiche. Affinché una parte del corpo possa variare la sua forma o la sua grandezza occorre stimolare localmente l’aumento delle cellule di nuova formazione (ad es. ingrandimento e raddrizzamento del pene con l’expander, Fig. 1 e 2). Ciò significa che la crescita di una determinata parte del corpo resta inalterata una volta che il trattamento sia terminato.


Pressioni e trazioni: i cambiamenti naturali del corpo

Un esempio di allungamento naturale di una parte del corpo dovuta alla forza di trazione può essere ad esempio osservata nella trasformazione dei seni femminili con l’aumentare dell’età. In questo caso l’effetto di trazione permanente dovuto alla forza di gravità agisce sul tessuto del seno variandone la forma e le dimensioni (“seno cadente”). Il mento che perde vigore o le ben note borse sotto gli occhi sono spesso il risultato di forze esercitate a livello superficiale sul tessuto cellulare del corpo.

Un ingrandimento naturale della pelle è il fenomeno che avviene durante la gravidanza (Fig. 3) in seguito alla pressione interna esercitata dal feto contro la parete addominale. Il feto svolge la funzione di un “expander” interno poiché stende la pelle stimolandone la crescita. A causa del nuovo tessuto dermico generatosi, l’estensione della pelle dell’addome permane a lungo anche dopo il parto e provoca spesso una perdita permanente di elasticità e vigore ben più marcata rispetto al periodo pre-gravidanza.


Pressioni e trazioni: i cambiamenti culturali del corpo

Da più di migliaia di anni i popoli ricorrono per scopi culturali a tecniche di modellazione permanente del corpo tramite momenti di trazione ed estensione. I popoli guerrieri Mursi e Suma provenienti dall’Etiopia meridionale sono ad esempio noti per la loro usanza di deformare la parte molle delle labbra e delle orecchie mediante l’applicazione prolungata di ornamenti. Tali oggetti svolgono la stessa funzione di un expander poiché con il loro sovradimensionamento esercitano una trazione costante dei tessuti (Fig. 4). Le abitanti di Mae Hong Son (Tailandia), meglio conosciute come “donne giraffa” devono la loro popolarità all’allungamento della loro vertebra cervicale. Questo risultato è raggiunto mediante l’utilizzo per lungo tempo di anelli che vengono posizionati attorno al collo per allontanare la testa dalle spalle (Fig. 5).

Ingrandimento del pene con l’expander


Nuove cellule crescono in lunghezza e in spessore grazie a PeniMaster
AFig. 1
Gli expander esercitano sulla lunghezza del pene una forza di trazione di 400-1000 grammi e prevedono un uso quotidiano di qualche ora per alcuni mesi. Il corpo reagisce a tale sollecitazione generando nuove cellule localizzate a livello del pene. Dato che le cellule possiedono un’estensione tridimensionale omnidirezionale, il pene può crescere in lunghezza e in spessore (nuove cellule rappresentate in rosa).

Raddrizzamento del pene con l’expander


Figura funzionale del raddrizzamento del pene con PeniMaster
Fig. 2
Una curvatura peniena normale (non patologica) dipende da un numero diverso di cellule situate sul lato opposto del pene. Il lato con meno cellule (a sinistra in figura) è più corto per cui la curvatura risulta più visibile in stato di erezione. 
Con l’uso di un expander medico la parte con meno cellule è sottoposta a una trazione superiore rispetto al lato più lungo; ciò permette di innescare una formazione cellulare più rapida (rosa nella figura) riducendo la curvatura del pene.