Personale medico che guarda il visitatore di www.penimaster.it oppure che sta discutendo

Rapporto medico del Dott. Ruslan Petrovich in merito a PeniMaster®PRO (3)

L'estensore penieno PeniMasterPRO non è il solito dispositivo con funzionamento a vuoto. È molto di più, perché combina la depressione ad altre forze di attrazione.

Prima di tutto, il glande viene aspirato nell'apposita capsula protettrice tramite depressione e qui ne viene mantenuta la forma in modo stabile. Le altre forze di fissaggio qui presenti sono l'adesione ("adesività") e la chiusura meccanica (per via della deformazione della membrana flessibile e della camera di depressione, anche in associazione con gli adattatori bipartiti) da indossare.

Poiché le forze di fissaggio si integrano reciprocamente, si riesce ad ottenere un fissaggio sicuro del glande e allo stesso tempo la riduzione al minimo degli effetti collaterali indesiderati delle singole forze. Se PeniMasterPRO fosse un comune apparecchio con funzionamento a vuoto, il rischio di lesione dovuto a prolungati tempi di utilizzo sarebbe notevolmente più elevato. Se il prodotto esercitasse un fissaggio penieno puramente meccanico (expander con cappi), non sarebbe affatto indossabile a lungo a causa degli eventuali dolori provocati.

Inoltre, i sistemi puramente meccanici non sono assolutamente adatti a pazienti con glande piccolo o particolarmente sensibile.

Nessun problema per i 30 estensori finora testati

L'estensore ha un impiego universale. Fino ad oggi, ho utilizzato "PeniMasterPRO" in oltre trenta pazienti. Ho potuto applicare su ognuno di loro il dispositivo con un tale successo che il loro utilizzo di prova in clinica è stato possibile subito senza dolore e in piena comodità, per un tempo iniziale di 1-2 ore. I pazienti riuscivano a muoversi liberamente nell'intera struttura, salivano le scale, passeggiavano e frequentavano la mensa.

Dopo questo test, tutti i pazienti hanno acquistato PeniMasterPRO. Coloro i quali prima avevano usato un expander con fissaggio a cappio, ne erano poi particolarmente entusiasti.

C'erano però pazienti con speciali problematiche, ai quali ho sconsigliato di indossare il dispositivo. Era il caso di un paziente con glande patologicamente ipersensibile, al quale persino il minimo contatto procurava dolore intenso, fattore che indicava la necessità di una desensibilizzazione operativa. In un altro paziente, il prepuzio è stato tirato nella camera di depressione e, a causa delle fascette di prepuzio troppo corte, ha iniziato a gonfiarsi. Anche questo sarebbe dovuto essere sottoposto a correzione chirurgica prima di usare l'expander.

Continua a leggere

Urologe Dr. Ruslan Petrovich

Dr. Ruslan Petrovich

(Leggi il suo CV)
Studi + Referti mediciDr. Ruslan Petrovich su PeniMaster®PROPagina 3