Personale medico che guarda il visitatore di www.penimaster.it oppure che sta discutendo

POSSIBILITÀ DI TERAPIA COMBINATA PER MANTENEREE LA FUNZIONE SESSUALE NEI PAZIENTI CHE HANNO SUBITO UNA PROSTATECTOMIA RADICALE A CAUSA DI TUMORE PROSTATICO LOCALIZZATO (3)

RISULTATI E DISCUSSIONE

Durante la valutazione del grado di rigidità del pene secondo la scala EHS sono stati ottenuti i seguenti risultati: il grado di rigidità in erezione nel primo gruppo era di 3,1 prima dell’operazione e si è ridotto 7 giorni dopo l’intervento scendendo a 1,22±0,2. Dopo 30 e 90 giorni era pari 2, che equivale a un pene sufficientemente rigido, ma non abbastanza per la penetrazione e per un rapporto sessuale.

I dati ottenuti nel secondo e nel terzo gruppo non hanno presentato differenze rilevanti e sono stati caratterizzati da una riduzione del grado di rigidità del pene nei primi 7 giorni e successivamente dalla tendenza a un aumento fino al 3° grado, vale a dire una rigidità sufficiente per una penetrazione.

La qualità della vita secondo la scala QOL (Quality of life) era nel primo gruppo e prima dell’intervento pari a 2,1 punti ed è peggiorata nei 7 giorni successivi all’operazione scendendo a 2,05±0,3. Inoltre è stata rilevata una tendenza positiva verso il miglioramento, che ha portato a una qualità della vita media pari a 3,7 punti a 30 e 90 giorni dopo l’intervento.

Nel secondo e nel terzo gruppo, inoltre, è stata rilevata 7 giorni dopo l’intervento una diminuzione della qualità della vita scesa a 4,15 punti, mentre a 30 e 90 giorni dopo l’operazione è stato registrato un nuovo aumento a 2,4 punti nel secondo gruppo e a 2,6 punti nel terzo gruppo. Non sono state rilevate differenze significative dal punto di vista statistico per la qualità della vita nel secondo e nel terzo gruppo.

Secondo quanto indicato in letteratura, al momento non esistono dati convincenti che riguardano l’impiego di inibitori della PDE di tipo 5n per la riabilitazione della funzione sessuale negli uomini che hanno subito una prostatectomia radicale a causa di un cancro prostatico localizzato. Inoltre per l’assunzione di inibitori della PDE di tipo 5n in questa categoria di pazienti non esiste un’opinione unanime riguardo a dosaggi, durata e periodi di trattamento.

In base ai risultati delle indagini di A. Briganti et al. [18], nel gruppo di pazienti che ha costantemente assunto inibitori della PDE di tipo 5 è stata constatata una disfunzione erettile notevolmente meno frequente (37%) rispetto al gruppo di controllo (73%, p<0,001), risultato confrontabile con i dati ottenuti durante lo studio. Dopo tre mesi la frequenza di disfunzione erettile nel gruppo di controllo è stata del 75% (15 pazienti), mentre nel secondo gruppo è stata del 15% in meno, vale a dire 60% (12 pazienti), e nel terzo gruppo del 20% in meno rispetto al gruppo di controllo, vale a dire il 55% (11 persone).

In una serie di studi con pazienti che hanno subito una prostatectomia radicale, è stata dimostrata nell’arco un periodo di osservazione di un anno una riduzione della lunghezza del pene di 1–3 cm [19,20]. Nel presente studio è stata presa in considerazione una modifica della lunghezza del pene nell’arco di tre mesi dopo l’intervento chirurgico, durante i quali il gruppo di controllo ha mostrato una riduzione della lunghezza fino a 1,64±0,12 cm, mentre nel secondo gruppo è stata rilevata una riduzione della lunghezza del pene di grado medio, pari in media a 1,175±0,01 cm.

Come uno dei possibili meccanismi alla base della riduzione della lunghezza del pene può essere ipotizzata la fibrosi dei corpi cavernosi, che insorge in seguito a una apoptosi delle cellule dei muscoli lisci dei corpi cavernosi dopo il danneggiamento dei nervi erettili.

Gli studi condotti in passato [21] hanno dimostrato che l’utilizzo di extender a vuoto consente il mantenimento della lunghezza del pene dopo una prostatectomia radicale. Al contempo esiste un’opinione contraria all’utilizzo degli extender a vuoto, che tiene in considerazione il pericolo di insorgenza di una fibrosi dei corpi cavernosi in seguito al sopraggiungere di una ischemia dei corpi cavernosi, di acidosi e insufficiente rilassamento dei muscoli lisci [22]. I risultati ottenuti nell’ambito del presente studio hanno dimostrato non solo la possibilità di mantenere la lunghezza peniena mediante la combinazione dell’assunzione quotidiana di inibitori della PDE di tipo 5n e dell’utilizzo quotidiano dell’extender a vuoto, ma anche la possibilità di aumentare la lunghezza del pene di 0,75±0,01 cm.

La qualità della vita rappresenta nell’attuale stadio di sviluppo della società un’importante e irrinunciabile componente dello stato di salute generale e del benessere del paziente. Numerosi indagini dedicate alla valutazione della qualità della vita hanno dimostrato l’importanza e l’irrinunciabilità dell’elaborazione e dell’attuazione di un programma di riabilitazione dei pazienti. Al momento non esistono algoritmi tassativi e consigliabili per la riabilitazione dei pazienti dopo una prostatectomia radicale con efficacia comprovata [7,14,15,16,17].

Continua a leggere

BIBLIOGRAFIA

Literaturverzeichnis

1. Bosetti C., Bertuccio P., Chatenoud L. et al. Trends in mortality from urologic cancars in Europe, 1970-2008. Eur Urol 2011;60:1–15.
2. Analiz uronefrologičeskoj zabolevaemosti v Rossiskoj Federacii po dannym oficialnoj statistiki / Apolihin O.I., Sivkov A.V., Bešliev D.A., Solnzeva T.V., Komarova V.A.// Ėksperimentalnaâ i kliničeskaâ urologiâ. Nr. 2010.
3. Bill-Axelson A, Holmberg L, Filen F, et al; Scandinavian Prostate Cancer Group Study Number 4. Radical prostatectomy versus watchful waiting in localized prostate cancer: the Scandinavian prostate cancer group-4 randomized trial. J Natl Cancer Inst 2008 aug; 100(16):1144–54.
4. Bianco FJ Jr, Scardino PT, Eastham JA. Radical prostatectomy: long-term cancer control and recovery of sexual and urinary function («trifecta»). Urology 2005 Nov;66(5Suppl):83–94. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16194712.
5. EAU Guidelines on Prostate Cancer// 2014.
6. Salonia A. et al. Preservation and management of prostatectomy sexual dysfunction Part2: Recovery and preservation of erectile function, sexual desire, and orgasmic function. Eur Urol 2012; 62:273–86.
7. P.V. Glybočko, I.P. Matûhov, Û.G. Alâev, N.D. Ahvlediani, Ž.Š. Inoâtov „Seksual’naâ funkciâ pacientov, perenesših radikal’nujû prostaėktomiû: sovremennyj wzglâd na problemu”, Žurnal urologiâ Nr. 2, S. 112–116, Moskau 2015.
8. Maso E.B., Gamidov S.I., Ovčinnikov R.I., Iremašvili V.V. Novye aspekty patogeneza, profilaktiki i lečeniâ ėrektil’noj disfunkcii u bol’nyh posle radikal’noj prostatėktomii CONSILIUM MEDICUM, 2004 BAND 6 Nr. 7.
9. Puškar D.Û., Bormotin A.V., Govorov A.V. Lečenie ėrektilnoj disfunkcii u pacientov, perenesših radikal’nuû pozadilonnuû porostatėktomiû, s ispol’zovaniem ingibitorov fosfodiesterazy 5 tipa. Kačestvo žizni. Medicina.-2007.-5.- S. 36–41.
10. Roûk R.V. Optimisaciâ metodov diagnostiki i korrekcii osložnenij radikal’noj prostatėktomii na soiskanie učenoj stepeni kandidata medicinskih nauk. RUDN-2007.
11. Sitnikov N.V. Profilaktika osložnenij i rannââ reabilitaciâ bol’nyh posle radikal’noj prostatėktomii dissertaciâ na soiskanie učenoj stepeni doktora medicinskih nauk. FGU 3 CVKG 2008.
12. Veliev E.I., Vanin A.F., Kotov S.V., Šišlo V.K. Sovremennye aspekty patofisiologii i profilaktiki ėrektilnoj disfunkcii i kavernosnogo fibrosa posle radikal’noj prostatėktomii. Urologiâ.-2009.Nr. 2-S.46–51.
13. Kotov S.V. Profilaktika kavernoznogo fibroza polse nervosberegaûŝej radikalnoj prostatėktomii: dissertazija na soiskanie učenoj stepeni kandidata medicinskih nauk. RMAPO 2009. S. 105.
14. Ficarra V, Novara G, Galfano A, Stringari C, Baldassarre R, Cavalleri S et al. Twelve-month selfreported quality of life after retropubic radical prostatectomy: a prospective study with Rand 36-Item Health Survey (Short Form-36). BJU Int 2006; 97: 274.
15. Davison BJ, So AI, Goldenberg SL. Quality of life, sexual function and decisional regret at 1 year after surgical treatment for localized prostate cancer. BJU Int. 2007 Oct; 100(4):780-5. Epub 2007 Jun 19.
16. Rakul S.A., S.B. Petrow, M.D. Ivanova, N.N. Petrova Aprobaciâ „Universal’nogo oprosnika kačestva žizni bol’nyh rakom predstatel’noj železy“//Onkourologiâ: ežhekvartal’nyj naučno-praktičeskij žurnal.-2009.-Nr. 2.-S. 64–73.
17. Nâhin V.A. Funkcional’nye rezul’taty i kačestvo žizni pacientov posle radikal’noj pozadilonnoj prostatėktomii dissertaciâ na soiskanie učenoj stepeni kandidata medicinskih nauk. RMAPO 2007. S. 182.
18. Briganti A., Gallina A., Suardi N., Capitanio U., Tutolo M., Bianchi M., Passoni N., Salonia A., Colombo R., Di Girolamo V., Guazzoni G., Rigatti P., Montorsi P. Predicting erectile function recovery after bilateral nerve sparing radical prostatectomy: A proposal of a novel preoperative risk stratification. J Sex Med 2010; 7:2521–31.
19. McCullogh A. Penile change following radical prostatectomy: Size, smooth muscle atrophy and curve. Curr Urol Rep 2008; 9:492–9.
20. Gontero P., Galzerano M., Bartoletti R., Magnani C., Tizzani A., Frea B., Mondaini N. New insights into the pathogenesis of penile shortening after radical prostatectomy and the role of postoperative sexual function. J Urol 2007; 178:602–7.
21. Kohler TS, Pedro R., Hendlin K., Utz W., Ugarte R., Reddy P., Makhlouf A., Ryndin I., Canales BK., Weiland D., Nakib N., Ramani A., Anderson JK., Monga M.A. Pilot study on the early use of the vacuum erection device after radical retropubic prostatectomy. BJU Int. 2007; 100:858–62.
22. Sexual Rehabilitation and Cancer Survivorship: A State of Art Review of Current Literature and Management Strategies in Male Sexual Dysfunction Among Prostate Cancer Survivors. J Sex Med 2013; 10 (suppl 1):102–111.
Studio clinico